L’ombretto: come sceglierlo?

Salve ragazze,

ho deciso che tendenzialmente ogni mercoledì aggiornerò la categoria we should know ovvero quelle poche nozioni che potrebbero esserci utili per indirizzare al meglio i nostri acquisti. Ovviamente, come ho già premesso altre volte, io NON SONO un’esperta e quindi mi informo e condivido con voi le informazioni e di logica quindi, se voi potete aumentare le mie conoscenze, correggermi o altro non dovrete fare altro che commentare e dire la vostra!

Oggi per la precisione, vedremo insieme come poter scegliere al meglio gli OMBRETTI.

Photo by web

Ecco quindi quali caratteristiche valutare prima dell’acquisto di questo prodotto:

LA TEXTURE

Come per quasi ogni prodotto, la texture è la prima caratteristica da prendere in considerazione per orientarci in modo migliore ad un determinato prodotto. Ricordiamo che la texture è sostanzialmente la consistenza di quel prodotto ovvero come si presenta. Per gli ombretti le principali textures sono:

  • IN POLVERE

Photo by web

Gli ombretti in polvere solitamente vengono confezionati in barattoli piccoli, in quanto ne basta prelevare poco. Vengono applicati con il pennello senza esagerare per evitare di spargere polvere colorata ovunque e necessitano di una base, come un primer oppure un ombretto in crema, per essere applicati. Sono generalmente ultra pigmentati e molto luminosi;

  • IN CREMA

Photo by web.

Anche gli ombretti in crema si trovano generalmente confezionati in barattolini e il miglior modo per stenderli uniformemente è utilizzando le dita (l’anulare è il dito migliore per stendere prodotti sul viso, poiché il più delicato). Se si utilizza un pennello, invece, bisogna fare attenzione a stenderlo in maniera regolare per evitare chiazze e zone prive di prodotto, sicuramente questa accortezza va riservata anche per l’applicazione con le dita. Sono spesso utilizzati come base appunto per gli ombretti in polvere o anche per dare più intensità ad ombretti compatti;

  • COMPATTI

Photo by web

Gli ombretti compatti sono quelli più comuni se vogliamo e vengono venduti sia in cialde singole che in palette cromatiche. Sono ottimi per le sfumature e possono essere applicati anche loro sia con le dita che con i pennelli. Questi hanno poi diversi finish (risultati) che vedremo in seguito.

  • IN STICK 

photo by web

Sono sicuramente gli ombretti da definire passepartout per la loro praticità; si presentano come delle matite e/o pennarelli quindi pronti per l’utilizzo. Possono essere utilizzati anche loro come base per gli ombretti in polvere o compatti oppure applicati da soli per look ad esempio veloce.

 IL FINISH

Il Finish non è altro che il risultato finale che possiamo ottenere, questo va scelto indubbiamente in base ai gusti ma anche all’effetto che si vuole avere e oltretutto alcuni finish sono più indicati per solvere alcune “compiti” rispetto ad altri. Ecco allora i finish più comuni che possiamo trovare in vendita:

  • MAT

Photo by web

Mat significa semplicemente OPACO. Sono quelli che personalmente prediligo, soprattutto per le base per creare poi un make-up più elaborato sopra. E’ privo di riflessi quindi se non lavorato bene o abbinato bene potrebbe risultare piatto, ma con i giusti accorgimenti e accostamenti il risultato finale potrebbe essere davvero bello! Io spesso utilizzo gli ombretti mat per creare dei look nude in cui magari voglio solo dare uniformità alla palpebra.

  • SHIMMER 

Photo by web

Sono gli ombretti perlati, luminosi. Questo tipo di finish è l’ideale per illuminare l’angolo interno dell’occhio e per minimizzare il difetto degli occhi piccoli rendendoli più luminosi e quindi più grandi visivamente. Personalmente, anche se sono gli ombretti più comuni, non li amo particolarmente se non in alcuni colori (come ad esempio l’oro) perciò tendo ad evitarli.

  • METALLIC 

Photo by web

Gli ombretti metallizzati sono quelli che al loro interno hanno una percentuale di argento che li fa risultare particolarmente sgargianti. Questi ombretti sono l’ideale per creare look di impatto e da accostare con ombretti mat (io ad esempio molto spesso uso un oro metallic con un marrone opaco). L’effetto sull’occhio risulta davvero intenso ed originale, alcuni di questi sono da utilizzare con un pennello bagnato in modo da poter far risaltare maggiormente il colore e la loro componente “metallica”.

  • SATIN

Photo by kikocosmetic.com

Gli ombretti satin sono quelli che rappresentano una via di mezzo tra gli ombretti shimmer e quelli mat ovvero hanno componenti all’interno luminose ma non eccessive e quindi sono l’ideale per creare look eleganti e non troppo forti.

IL COLORE

Photo by web

Terza ed ultima principale caratteristica da tenere in considerazione per la scelta dell’ombretto ideale è il COLORE. Anche qui, come già detto per il fondotinta, bisognerebbe basarsi sulle regole dell’armocromia e quindi del sottotono della propria pelle, ma anche al colore degli occhi. Sarò ripetitiva, lo so, ma credo che alla fine solo noi possiamo decidere se un colore ci dona o no; quindi, andate a gusto e “di pancia” come si suol dire, per la scelta di un ombretto, sicuramente non vi sbaglierete, e se capitasse, ci si può sempre struccare! 😉

Arriviamo quindi alla conclusione di questo post dedicato al “we should know” e ci tengo a ribadire che non sono un’esperta e queste informazioni probabilmente le troverete in altri mille blog, ma pazienza, cerco comunque in qualche modo di dare il mio contributo. Ovviamente esistono altre varie texture e vari finish (velvet, semi-mat, glitter, ecc.) oppure finish che si presentano solo per alcune texture, insomma un sacco di cose in più, però quelli più conosciuti e che solitamente possiamo ritrovarci davanti ad uno stand di make-up o in profumeria sono quelli descritti sopra.

Spero come sempre di essere stata utile per qualcuna o quanto meno simpatica (la si butta sempre sulla simpatia no? Non sei bella ma simpatica, non sei brava ma simpatica) 😉
Fatemi sapere, se vi va, cosa ne pensate di questo post e della categoria in generale, oppure se avete qualche idea per un prossimo post simile, vi aspetto!
Un abbraccio,

Donata

Ps: se vi va seguitemi anche sulla mia pagina Facebook, Twitter e Instagram (trovate tutte le info qua accanto)!

 

 

:

 

 

Annunci

10 thoughts on “L’ombretto: come sceglierlo?

  1. quelli shimmer che non piacciono a te…piacciono a me ma sempre nelle tonalità oro, bronzo e giù di lì…per il resto vado sempre sul nero e marrone anche se dicono che il viola sia perfetto per gli occhi verdi,…mah…gusti…ciao!

    Piace a 1 persona

  2. E si.. proprio un articolo basilare.. che serve sempre… un appunto io lo faccio però. … lo faccio sempre…. la considerazione sul fatto che si usino pochi ma pochi colori… si finiace sempre sui neutri… quindi osate osate… è ovvio che dobbiate anche piacervi…. ma se nn provate. .. nn lo saprete mai 😉
    Ho visto che hai anche una pag fb.. ho aperto uno stato pubblicità che si chiude domani pome… passa se ti va

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: I PENNELLI: Occhi | Femelle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...